Lorenzo Novo

LORENZO NOVO

storia4

L’impulso e l’esempio del fondatore Lorenzo Novo, sono fondamentali nella storia di sviluppo, nella visione e nella mentalità innovativa che guidano NOVOMECCANICA. Un protagonista della meccanica, portatore della tradizione piemontese nel settore e al tempo stesso instancabile innovatore che ha formato generazioni di collaboratori, trasmesso conoscenze e plasmato un sistema produttivo unico, capace di portare ad una corale eccellenza persone e macchinari. Un imprinting duraturo che si tramanda in NOVOMECCANICA, giorno dopo giorno, attraverso un know how d’avanguardia che garantisce lavorazioni meccaniche per commesse che provengono da tutte le industry, dall’Italia e dal mondo. Dall’automotive, alle macchine utensili, agli stampi, fino all’aerospace, l’industry alla quale Lorenzo Novo per primo ha portato innovazioni e approcci produttivi rivoluzionari, che hanno elevato NOVOMECCANICA a fornitore di riferimento anche per la lavorazione di componenti di aerei e satelliti.

Un permanente slancio nel dotarsi di strumenti d’avanguardia, trasformati e modificati con sapienza e capaci di spingere la capacità produttiva verso soluzioni e rapidità d’esecuzione, che solo NOVOMECCANICA è in grado di raggiungere.

Quella di Lorenzo Novo è una storia che comincia a cavallo tra le due guerre.

Nato a Torino, il 9 dicembre 1935, è il più grande di 5 fratelli. Molto precocemente, complice il difficile secondo dopoguerra, si rimbocca le maniche per dare sostegno alla propria famiglia e da subito la meccanica è protagonista nel lavoro e nella passione: inizia, infatti, come riparatore di cicli e motocicli, aiutando nei primi anni anche in una ditta di legnami a Montà d’Alba, paese d’origine dei nonni. Ben presto lavora nella ditta F.LLI  NARETTO dove l’eclettismo lo porta ad affrontare un ampio raggio di attività: dalla tornitura, alla fresatura e alle rettifiche.

Agli inizi degli anni Sessanta, passa  alla STAMPI LAMET  DI RUBIOLO  poi diventata  BERTOLAMET   oggi  TEA  COMAU dove ha iniziato una progressione di carriera che l’ha visto passare da operaio, a capo squadra, a capo reparto, fino a capo officina. La curiosità, la precisione, l’ingegno hanno condotto Lorenzo Novo a viaggiare in giro per il mondo per curare personalmente la consegna e l’installazione degli impianti lavorati, direttamente presso le aziende committenti.

Nel  1974, Lorenzo Novo decide di iniziare una propria attività in proprio, con la benedizione del suo, fino ad allora, datore di lavoro  Sig. Rubiolo che lo incoraggiò anche materialmente. In 2 garage a Rivalta nasce l’avventura imprenditoriale, con una fresatrice Rambaudi, soprannominata “Dekelina” e un tornio.

Con la moglie Maria al suo fianco, inizia un percorso fatto di dedizione e di crescita continua.storia6 Ancora in azienda  con noi  e’ proprio  vero  quando si dice  che  dietro a un grande  uomo c’e  sempre  una  grande  donna  per  i miei  genitori e’ stato proprio cosi e sono da esempio per tante coppie. In breve tempo l’attività si trasferisce in un capannone a Rivalta, con nuove macchine e con i primi tre dipendenti. Le lavorazioni andavano dal conto terzi alla realizzazione di progetti completi lavorati e assemblati.

Nel 1978 viene costituita NOVOMECCANICA. I dipendenti arrivano alle 10 unità e la produzione si trasferisce a Volvera. La crescita è sospinta dalla capacità di conciliare rapidità d’esecuzione e precisione. NOVOMECCANICA è li a supporto dell’inizio dell’era della robotica. Lorenzo Novo, con lungimiranza si dota di alesatrici per i grandi formati e una fresatrice Mecof da 6 metri, un formato impensabile per l’epoca.

Nel 1983, entra in azienda Patrizia Novo che comincia ad occuparsi degli aspetti amministrativi e manageriali. Nello stesso anno, Lorenzo Novo viene colto da un primo infarto, ciò nonostante continua ad operare in azienda lavorando personalmente e supervisionando l’attività produttiva.

Nel 1989 l’azienda si trasferisce a Bruino, acquistando un proprio capannone, nuove gru e attrezzature.

Nel 1990 entra in azienda anche Davide Novo, occupandosi di rapporti con i clienti.

Nel 2001 muore Lorenzo Novo. Nonostante il continuo aggravamento delle condizioni di salute, il fondatore è stato presente in azienda fino agli ultimissimi giorni, sostenendo il team di lavoro, portando idee e la rigorosa attenzione alle lavorazioni. Anche la forza e l’abnegazione degli ultimi giorni hanno rappresentato un lascito indelebile per NOVOMECCANICA, un esempio e uno stimolo a fare sempre meglio.

La sua foto campeggia oggi nelle officine dell’azienda. La sua presenza è resa ancora più forte dall’operosità e dalla compattezza delle persone che da lui hanno imparato la dedizione al lavoro, la voglia di migliorarsi giorno per giorno e il vivere con passione le sfide delle lavorazioni più complesse.

storia2